Informazioni tecniche ROHS

Cos'è la direttiva RoHS?

La direttiva RoHS è stata emanata dall’Unione Europea. RoHS sta per “Restriction of the Use of Certain Hazardous Substances in Electrical and Electronic Equipment”. La direttiva mira a porre delle restrizioni sull’uso di queste sostanze pericolose per proteggere la salute umana e l’ambiente e per migliorare il riciclaggio. Puoi trovare la versione completa della direttiva europea 2011/65/UE (ultima versione consolidata datata 1 aprile 2021) con tutti gli allegati, qui. Dal momento della prima emissione della direttiva, sono state effettuate varie nuove versioni e modifiche.

La Germania ha tradotto la direttiva RoHS nell’ambito del diritto nazionale in ordinanza che limita l’uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (ElektroStoffV). In Austria, dal 2005 è in vigore l’ordinanza sui rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (Elektroaltgeräteverordnung). Anche i paesi non appartenenti all’Unione europea hanno introdotto una legislazione simile per far rispettare la conformità: Svizzera e Lichtenstein (Ordinanza sulla riduzione del rischio chimico), Cina (China-RoHS) e Corea del Sud (Korea-RoHS), per esempio.

La conformità alla RoHS riguarda principalmente i produttori e gli importatori di apparecchiature elettriche ed elettroniche nell’Unione europea. È stata introdotta per limitare l’uso di sostanze nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche, materiali e componenti molto dannosi per l’ambiente o la salute umana. I componenti tossici che destano particolare preoccupazione, come piombo, mercurio, cadmio, cromo esavalente, bifenili polibromurati (PBB) ed eteri di difenile polibromurati (PBDE), sono vietati nei prodotti fino a una soglia bassa (0,1 per cento in peso). Inoltre, la direttiva RoHS proibisce la saldatura a piombo nei componenti elettronici e i ritardanti di fiamma tossici nella produzione di cavi. Questo significa che la direttiva RoHS colpisce direttamente gli importatori e altre imprese, le catene di vendita al dettaglio e infine il consumatore anche nell’area economica europea. Molti metodi di produzione e articoli, che una volta erano di uso comune, non sono più permessi a seguito della direttiva. Tuttavia, ci sono anche esenzioni alle restrizioni per alcune sostanze utilizzate in certi prodotti. 
L’uso di saldature senza piombo pone una sfida particolare per l’industria automobilistica ed altri settori. Le saldature alternative contenenti argento sono più costose, quindi i produttori devono decidere se scendere a compromessi sulla qualità. Ad oggi, si applicano una serie di esenzioni per tenere conto di questa perdita di qualità, comprese le esenzioni per il settore medico e militare e per l’elettronica automobilistica. Per esempio, esiste un’esenzione che permette ancora l’uso del piombo nelle batterie di alimentazione dei veicoli. Il limite per il piombo nelle leghe di rame permette fino al quattro per cento in peso. Questo tipo di esenzioni sono controllate regolarmente e possono anche scadere.  I divieti di sostanze possono essere imposti per sostanze alternative senza che venga effettuata una valutazione completa del rischio – è sufficiente che ci sia un rischio potenziale per le persone e l’ambiente.
L’attuazione della direttiva RoHS è ulteriormente complicata dal fatto che queste esenzioni non si applicano in modo coerente in tutta l’Unione europea – alcuni stati nazionali consentono disposizioni speciali. Per esempio, le autoradio vendute nei punti vendita al dettaglio nei Paesi Bassi sono coperte dalla direttiva. Questo non è il caso di altri paesi. Disposizioni speciali come queste possono porre grossi problemi agli sviluppatori se commercializzano i loro prodotti in più di un paese dell’UE. Hanno costantemente bisogno di essere al corrente delle nuove esenzioni. L’approvazione delle richieste di esenzioni può richiedere diversi anni.
Le seguenti dieci sostanze sono limitate dalla direttiva RoHS. La concentrazione massima consentita tollerata nei materiali omogenei è indicata tra parentesi come percentuale in peso.
  • piombo (0,1 %)
  • mercurio (0,1 %)
  • cadmio (0,01 %)
  • cromo esavalente (0,1 %)
  • bifenile polibromurato (PBB) (0,1 %)
  • eteri di difenile polibromurato (PBDE) (0,1 %)
  • Di(2-etilesil)ftalatot (DEHP) (0,1 %)
  • butilbenzilftalato (BBP) (0,1 %)
  • dibutilftalato (DBP) (0,1 %)
  • diisobutilftalato (DIBP) (0,1 %)
Ci sono esenzioni da queste soglie che sono descritte più dettagliatamente nell’allegato III della direttiva 2015/863/UE. L’allegato III viene aggiornato ogni quattro anni circa.
Secondo l’allegato I, tutte le aziende europee che producono le seguenti attrezzature o componenti che ne fanno parte sono interessate dalla direttiva RoHS:
  • grandi elettrodomestici
  • piccoli elettrodomestici
  • dispositivi informatici e di telecomunicazione
  • attrezzatura elettronica di consumo
  • attrezzatura per l’illuminazione
  • strumenti elettrici ed elettronici
  • giocattoli, sport e attrezzature per il tempo libero
  • dispositivi medici
  • strumenti di monitoraggio e controllo, compreso il monitoraggio industriale
  • distributori automatici
  • altre apparecchiature elettriche ed elettroniche non classificate in una delle categorie sopra elencate
Il marchio CE e la valutazione della conformità sono stati introdotti nel 2011. Ciò significa che i produttori devono esporre una dichiarazione di conformità UE, apporre il marchio CE sulle apparecchiature, garantire la conformità permanente e osservare gli obblighi specifici per la documentazione e l’obbligo di divulgazione.
La direttiva WEEE (Waste Electrical and Electronic Equipment Directive), entrata in vigore nel 2003, funziona in tandem con la RoHS. È una rifusione della direttiva sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche 2012/19/UE. La direttiva WEEE mira ad evitare e ridurre i rifiuti elettrici e a rendere il loro smaltimento ecologico raggiungendo tassi di riciclaggio annuali di almeno quattro chilogrammi di rifiuti elettrici per ogni residente dell’Unione Europea. A differenza del regolamento REACH sulle sostanze chimiche, le restrizioni RoHS per le sostanze coprono solo i prodotti a cui si applicano i RAEE, in altre parole i componenti delle apparecchiature elettriche ed elettroniche. Il campo di applicazione del regolamento REACH è più ampio. Si applica anche ad altri settori industriali come il tessile, i giocattoli e l’automobile, e copre di più delle sole restrizioni per le sostanze. Tuttavia, poiché il REACH si applica anche al settore dell’elettronica e tocca numerose sostanze chimiche utilizzate anche nei componenti elettronici, ci sono diverse sovrapposizioni tra REACH e RoHS.
Direttiva originale 2002/95/CE che limita l’uso di alcune sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (RoHS I, 2003):Link
Direttiva 2011/65/UE emanata dal Parlamento Europeo e dal Consiglio Europeo, datata 8 giugno 2011, che limita l’uso di alcune sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche:PDF
Direttiva delegata (UE) 2015/863 della Commissione che modifica l’allegato II della direttiva RoHS 2011/65/UE (marzo 2015):PDF
Direttiva (UE) 2017/2102 che modifica la direttiva 2011/65/UE:PDF
Direttiva 2011/65/UE (ultima versione consolidata del 04/01/2021):Link

Servizi relativi alla RoHS

Forniamo consulenza imparziale e indipendente su RoHS, REACH e WEEE. Il nostro team di esperti altamente qualificati provenienti da varie discipline ha molta familiarità con i regolamenti speciali che si applicano a moltissimi tipi di industrie. Perché non fissare una consulenza iniziale per sapere come anche tu puoi approfittare della nostra esperienza RoHS e REACH?