Informazioni specialistiche sulla legge sulla due diligence della catena di approvvigionamento

Riflettori puntati su sostenibilità e diritti umani

Nel nostro mondo interconnesso con catene di approvvigionamento interdipendenti, le questioni della compatibilità ambientale, dei diritti umani e della sostenibilità giocano un ruolo sempre più importante. Anche a causa di incidenti nelle fabbriche tessili o nelle miniere, le domande sull’origine e sulle condizioni di lavoro sono al centro dell’attenzione pubblica. I consumatori vogliono sapere da dove provengono i prodotti, in quali condizioni vengono prodotti e quanto sono riciclabili e sostenibili. Anche le aziende e i politici si concentrano sempre più sulla sostenibilità e sulla neutralità climatica (parola chiave Green Deal). Dal 2023, in Germania entrerà in vigore la legge sugli obblighi di approvvigionamento della catena di fornitura (LkSG). A livello europeo, è in preparazione una legge identica che sarà ancora più severa. In questa pagina presentiamo i contenuti e vi mostriamo quali sono le aziende interessate e cosa bisogna fare.

La legge sugli obblighi di approvvigionamento della catena di fornitura (LkSG) entra in vigore il 1° gennaio 2023 e si applica alle aziende con più di 3.000 dipendenti. Nella seconda fase, tutte le aziende con più di 1.000 dipendenti saranno interessate dal 1° gennaio 2024. Come già suggerisce il titolo, si tratta di osservare i diritti umani e alcuni obblighi di diligenza ambientale nelle proprie catene di approvvigionamento.

Questi obblighi di due diligence comprendono:

  1. istituzione della gestione del rischio in tutti i processi aziendali rilevanti (§4)
  2. condurre almeno una volta all’anno analisi dei rischi per identificare i rischi nelle proprie operazioni commerciali e in quelle dei propri fornitori diretti (§5)
  3. adozione di una dichiarazione politica da parte della direzione sulla strategia in materia di diritti umani (ai sensi del §6, paragrafo 2, punto 2).
  4. attuazione di misure preventive (§6)
  5. preparazione e pubblicazione di una relazione sull’adempimento degli obblighi di diligenza (§10)
  6. adottare misure correttive per prevenire, interrompere o ridurre al minimo le violazioni (§7)
  7. condurre l’analisi dei rischi correlati alle cause, le misure preventive e le azioni correttive presso i fornitori indiretti (§9)
  8. istituzione di una procedura di reclamo

La catena di fornitura si riferisce a tutte le fasi e le aziende coinvolte nella produzione e nella commercializzazione di un prodotto, cioè dall’estrazione delle materie prime alla consegna al cliente finale. Sono inclusi anche servizi come il trasporto o lo stoccaggio intermedio. Ciò significa che la legge riguarda indirettamente anche le aziende che non adempiono direttamente ai suddetti obblighi di diligenza, ma che devono fornire informazioni ai loro clienti.

I diritti umani che devono essere rispettati sono:

  • Divieto di lavoro minorile
  • Protezione dalla schiavitù e dal lavoro forzato
  • Libertà dalla discriminazione
  • Protezione contro il sequestro illegale dei terreni
  • Salute e sicurezza sul lavoro e rischi per la salute correlati
  • Divieto di trattenere un’equa retribuzione
  • Diritto di costituire sindacati o organismi di rappresentanza dei lavoratori
  • Divieto di provocare l’inquinamento dannoso del suolo o dell’acqua
  • Protezione dalla tortura

È necessario tenere in considerazione i seguenti aspetti ambientali:

  • l’osservanza dei divieti relativi alle sostanze
  • la Convenzione di Minimata (“Convenzione sul mercurio”)
  • la Convenzione di Stoccolma sugli inquinanti organici persistenti (POP)
  • la Convenzione di Basilea sui movimenti transfrontalieri di rifiuti pericolosi e il loro smaltimento.

È importante notare che si applica il principio di proporzionalità. Innanzitutto, gli obblighi da rispettare sono graduati in base alla sfera di influenza dell’azienda: alle operazioni commerciali dell’azienda stessa si applicano norme diverse rispetto alle azioni di partner contrattuali come le filiali o altri fornitori. Inoltre, un’azienda è tenuta a fare solo ciò che ci si può ragionevolmente aspettare che faccia a causa delle sue dimensioni, della natura della sua attività o della sua vicinanza al fornitore. Non c’è alcun obbligo di impedire il successo, ma solo l’obbligo di fare uno sforzo.

La proposta della Commissione per la legge europea sulla due diligence della catena di approvvigionamento (direttiva sulla due diligence di sostenibilità delle imprese) del 23 febbraio 2022 prevede requisiti simili a quelli della legge tedesca. Una differenza importante è rappresentata dalle aziende interessate e dalla maggiore attenzione alla protezione del clima.

Aziende interessate:

  • Due anni dopo l’adozione: imprese dell’UE con più di 500 dipendenti e un fatturato netto mondiale superiore a 150 milioni di euro, nonché imprese di Paesi terzi con tale fatturato.
  • Quattro anni dopo l’adozione: imprese dell’UE in determinati settori con più di 250 dipendenti e un fatturato netto annuo superiore a 40 milioni di euro, nonché imprese di Paesi terzi con tale fatturato.

Ulteriori diritti e regolamenti da considerare:

  • Problemi di diritti umani e fondamentali, come la libertà di credo e di religione.
  • diritti dei bambini (anche al di là del lavoro minorile)
  • diritti dei popoli indigeni
  • Protezione della biodiversità
  • Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (CITES)
  • Commercio di prodotti chimici pericolosi (PIC)
  • Protezione dello strato di ozono
  • Rispetto degli obiettivi dell’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici (Green Deal europeo).

Un’altra differenza rispetto alla LkSG tedesca è che essa prevede esplicitamente norme sulla responsabilità in caso di mancato rispetto degli obblighi di diligenza.

Al momento non è prevedibile quando il regolamento europeo entrerà in vigore. In tal caso, vi informeremo qui e sull’ipJournal, oltre che tramite la nostra newsletter.

La LkSG rende di nuovo rilevante la questione dei minerali dei conflitti per le aziende europee. Finora, solo gli importatori dell’UE dovevano rispettare i requisiti di due diligence quando importavano stagno, tantalio, tungsteno, i loro minerali o l’oro (i cosiddetti 3TG). Altre aziende sono state colpite solo indirettamente se hanno effettuato forniture a società quotate in borsa negli Stati Uniti, che a loro volta devono fornire informazioni sull’origine di questi minerali in base al Dodd-Frank Act. Tra le altre cose, la LkSG mira a prevenire il lavoro minorile e a garantire la tutela del lavoro e un salario equo. In molte miniere dove si estraggono minerali come il 3TG, ma anche altri come la mica e il cobalto, spesso non è così – e non solo nella Repubblica Democratica del Congo, a cui si riferiscono le normative sul 3TG finora in vigore.

Per segnalare i 3TG definiti come minerali di conflitto, esiste già un modulo Excel – fornito dalla Responsible Minerals Initiative (RMI) – chiamato CMRT. Da ottobre 2021, esiste un modulo di segnalazione esteso, l’EMRT. L’obiettivo è identificare i colli di bottiglia e raccogliere informazioni sulla due diligence nella catena di approvvigionamento del cobalto e della mica.

Panoramica sulle pagine BAFA:Link
Legge sulla due diligence aziendale per prevenire le violazioni dei diritti umani nelle catene di approvvigionamento:Link
Panoramica sul sito web del BMZ:Link
Panoramica su csr-in-deutschland.de:Link
Progetto della Commissione UE:PDF
Logo, Zahnrad, Blatt in orange

Servizi relativi alla legge sugli obblighi di approvvigionamento della catena di fornitura

Avete bisogno di una panoramica di ciò che vi aspetta per la vostra azienda? Avete bisogno di aiuto per stabilire processi appropriati? Fissate subito un appuntamento per una prima consulenza gratuita!

O state cercando una formazione? Presso il nostro ipCampus troverete corsi di formazione in tutto il mondo e in molte lingue e potrete anche richiedere una formazione esclusiva per la vostra azienda.