Informazioni su REACH

Il regolamento UE sulle sostanze chimiche - a cosa si applicano gli obblighi di notifica REACH?

REACH è il nome del regolamento UE sulle sostanze chimiche ed è l’abbreviazione di “Registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche”, ufficialmente noto come regolamento europeo (CE) n. 1907/2006 1907/2006. Il suo scopo è quello di assicurare che i produttori, i fornitori e gli importatori si assumano la responsabilità della gestione sicura delle sostanze chimiche e trovino gradualmente dei sostituti per i prodotti pericolosi.

“In linea di principio, il REACH si applica a tutte le sostanze chimiche; non solo quelle usate nei processi industriali ma anche nella nostra vita quotidiana, per esempio nei prodotti per la pulizia, nelle vernici e in articoli come vestiti, mobili ed elettrodomestici. Pertanto, il regolamento ha implicazioni per la maggior parte delle aziende in tutta l’UE. (…)”

Produttori: Se producete sostanze chimiche, sia per usarle voi stessi che per fornirle ad altre persone (anche se per l’esportazione), allora avrete probabilmente alcune importanti responsabilità in termini di REACH.

Importatori: Se comprate qualcosa ex UE/SEE, è probabile che abbiate alcune responsabilità in termini di REACH. Può trattarsi di singole sostanze chimiche, miscele per la vendita all’ingrosso o articoli finiti, come vestiti, mobili o prodotti di plastica.

Utenti finali: La maggior parte delle aziende utilizza sostanze chimiche, a volte anche senza rendersene conto, quindi è necessario controllare i vostri obblighi se maneggiate sostanze chimiche nella vostra attività industriale o professionale. Potreste avere alcune responsabilità in termini di REACH”.

Fonte: Agenzia europea delle sostanze chimiche (ECHA)

L’ECHA è un’agenzia dell’UE con sede a Helsinki. È stata istituita per regolare gli aspetti tecnici, scientifici e amministrativi del regolamento REACH. Il regolamento si applica a tutti gli Stati membri dell’UE e allo Spazio economico europeo. Assicura che solo le sostanze chimiche precedentemente registrate siano ora autorizzate ad essere immesse sul mercato. L’obiettivo è quello di essere in grado di rintracciare il luogo in cui sono in uso sostanze che causano danni all’ambiente o gravi problemi di salute per gli esseri umani.
L’ECHA include le sostanze che sono state identificate come SVHC (Substances of Very High Concern) nella SVHC Candidate List. In questa lista, vengono inserite nuove SVHC due volte all’anno, di solito a giugno e a gennaio. Le sostanze della Candidate List possono ancora essere utilizzate; tuttavia, se sono presenti in una concentrazione superiore allo 0,1% in peso (w/w), c’è l’obbligo di notificare ai clienti che gli articoli in questione contengano queste sostanze. L’obiettivo dei requisiti di segnalazione nell’ambito del REACH è in definitiva quello di controllare i rischi per la sicurezza posti dalle SVHC. Le alternative non pericolose dovrebbero gradualmente sostituire le sostanze che hanno dimostrato di rappresentare un rischio per l’ambiente o la salute umana. Le sostanze sono incluse nell’elenco delle sostanze candidate SVHC se rappresentano almeno uno dei seguenti rischi per la sicurezza:
    • Sono cancerogene
    • Sono mutagene
    • Causano tossicità riproduttiva
    • (molto) persistenti
    • (molto) bioaccumulabili o tossiche
    • perturbatori endocrini
    • potenziale persistente, bio-accumulativo e/o tossico
Ad un certo punto, tuttavia, anche una SVHC sarà inclusa nell’elenco delle autorizzazioni REACH e/o nell’appendice XIV del regolamento REACH. La sostanza non può essere importata, prodotta o utilizzata nella produzione in Europa dopo la “Sunset Date” indicata nella lista. Il tempo che intercorre tra l’inserimento nella Candidate List e l’inserimento nella Authorisation List può variare notevolmente. I produttori hanno il dovere di rivelare ai loro clienti le informazioni sulle sostanze elencate nell’elenco delle autorizzazioni REACH. Agli articoli che contengono tali sostanze, si applicano disposizioni speciali e obblighi di segnalazione. Inoltre, l’allegato XVII del regolamento REACH include sostanze che non possono essere prodotte, utilizzate o immesse sul mercato a causa dei rischi che comportano per la salute umana o l’ambiente o che possono essere prodotte, utilizzate o immesse sul mercato solo in quantità limitate. Questo allegato viene adeguato e modificato su base continuativa attraverso i regolamenti di modifica. Sia le singole sostanze che le miscele o gli articoli contenenti una certa sostanza possono essere limitati. Questo è il motivo per cui il REACH può influenzare l’intera catena di approvvigionamento, dai produttori, importatori e commercianti agli utenti a valle e ai distributori commerciali.
La segnalazione obbligatoria delle SVHC e l’obbligo di segnalazione REACH sono in vigore da quando il regolamento europeo sulle sostanze chimiche REACH è stato introdotto nel 2007. Da gennaio 2021, le aziende che immettono sul mercato dell’UE articoli o prodotti con SVHC dalla lista dei candidati REACH sono inoltre tenute a inserire le informazioni su di essi nel database SCIP dell’ECHA. Come per i requisiti di segnalazione REACH, questo riguarda i prodotti e gli articoli che sono fabbricati, distribuiti o importati nell’UE e che contengono SVHC con una concentrazione superiore allo 0,1% in peso. Il regolamento REACH non prevede l’obbligo di inserire informazioni nel database SCIP. Anzi, in base a quanto stabilito dalla direttiva quadro sui rifiuti, questo obbligo ha una base giuridica diversa dall’obbligo di segnalazione REACH per i clienti quando è presente una SVCH. Entrambi i requisiti di segnalazione esistono in parallelo e l’obbligo di inserire le informazioni nel database SCIP non è un sostituto per la presentazione delle informazioni richieste sui clienti di cui all’articolo 33 (1) del regolamento REACH. Questi due requisiti sono spesso confusi. Tutto ciò che hanno in comune è l’elenco SVHC delle sostanze chimiche di particolare preoccupazione. Lo scopo del database SCIP è quello di aiutare le aziende di gestione dei rifiuti a identificare e riciclare i rifiuti che contengono sostanze chimiche che rappresentano un rischio per l’ambiente o la salute umana. Le informazioni possono anche essere accessibili ai consumatori in modo da renderli più consapevoli, in materia di sostenibilità, nel momento dell’acquisto. Potrebbe aiutarli a sviluppare una consapevolezza del tipo di SVHC presente negli articoli e come dovrebbero usare e smaltire al meglio questi articoli. Scopri i concetti chiave di SCIP qui. Offriamo anche un programma completo di consulenza, servizi di supporto e corsi di formazione sul database SCIP.
I produttori e gli importatori devono ottenere un numero di registrazione REACH (certificato di conformità REACH) per le SVHC che sono importate nell’UE o sono prodotte in uno Stato membro dell’UE a partire da un volume di una tonnellata all’anno. Questo è seguito da una valutazione per determinare se possono essere utilizzate sostanze o tecnologie alternative e se le sostanze chimiche utilizzate sono conformi al REACH. Se l’esposizione non supera certe soglie o se il beneficio socio-economico supera il rischio, l’ECHA rilascia l’autorizzazione. Le sostanze chimiche che sono già adeguatamente regolate da altre disposizioni di legge possono essere completamente o parzialmente esentate dall’obbligo di notifica REACH. Per esempio, ci sono discussioni in corso tra gli esperti sul fatto che la direttiva RoHS sia diventata superflua dopo l’introduzione del REACH, poiché ci sono alcune sovrapposizioni. Questo si traduce in regolamenti duplicati per gli importatori e i produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche. Le informazioni trasmesse all’ECHA sulla procedura di registrazione possono essere visualizzate dal pubblico tramite un database REACH. Esiste un’esenzione per i dati, nel caso in cui le aziende abbiano presentato una richiesta di riservatezza. Questo comporta una tassa. (Vedere il file dell’ECHA “Come proteggere le informazioni commerciali riservate”. Il database REACH include dettagli sulle proprietà chimiche e fisiche delle sostanze e la loro tossicità per gli esseri umani e l’ambiente, oltre al volume annuale commercializzato nell’UE. In questo senso, il REACH gioca un ruolo considerevole nella “democratizzazione della conoscenza del rischio”. 23.197 sostanze e 100.979 dossier sono stati inseriti nel database entro maggio 2021.
Mettere in pratica il regolamento europeo sulle sostanze chimiche richiede comunicazioni più efficaci lungo la catena di approvvigionamento e la capacità di valutare i dati con competenza. Gli utenti finali devono mettere a disposizione dei loro produttori o importatori, a monte, le informazioni su come esattamente vengono utilizzate le sostanze soggette a registrazione. Inoltre, devono agire per ridurre i rischi di sicurezza dei loro prodotti. Questo si ottiene principalmente usando le schede di sicurezza dei materiali (MSDS). Qui vengono dati i dettagli restrittivi sull’uso e il requisito per l’autorizzazione, così come il numero di registrazione. Il regolamento UE sulle sostanze chimiche gestisce esattamente come le schede di sicurezza dei materiali devono essere create, trasferite ad altre parti e conservate. Il regolamento CLP/GHS stabilisce inoltre delle linee guida internazionali per la creazione di schede di dati di sicurezza. L’International Material Data System (IMDS) è una risorsa chiave per l’industria automobilistica per valutare se i prodotti sono conformi al REACH. Tutte le sostanze utilizzate nella costruzione dei veicoli sono comunicate, archiviate e gestite nell’IMDS. Nel 2021, sono state documentate circa 14.000 SVHC nell’IMDS. Il sistema di documentazione dei dati sui materiali aiuta le case automobilistiche e i loro fornitori esterni a rispettare gli obblighi che derivano dai requisiti dei prodotti da parte dei clienti e dalla legislazione, dagli standard e dai regolamenti nazionali o internazionali, come il REACH. Nel momento in cui un fornitore invia al suo cliente un MDS che elenca una SVHC, allora avrà rispettato il suo obbligo di comunicare informazioni in conformità con l’articolo 33(1) del REACH. Inoltre, dal 5 gennaio 2021, la registrazione nel database SCIP è diventata un requisito e può anche essere presentata direttamente all’ECHA attraverso un’interfaccia nell’IMDS. I prodotti e gli articoli che soddisfano tutti i criteri del regolamento UE sulle sostanze chimiche sono considerati conformi al REACH. Il Reach Report Tool nell’IMDS è stato sviluppato per facilitare la verifica. Tuttavia, questo strumento è disponibile solo nel software aggiuntivo a pagamento “A2 – Advanced Accelerator” e non si trova nella versione base gratuita dell’IMDS. Questo rapporto contiene tutti i dati attribuiti ad un’azienda elencata nell’IMDS. I dati dei materiali elencati sono quelli creati dall’azienda stessa all’intenro dell’IMDS o quelli ricevuti dal fornitore. L’elenco comprende anche informazioni sul peso delle parti, dati sulle sostanze e sui materiali base, e la classificazione come sostanze REACH/SVHC o GADSL. Tuttavia, va notato che le relazioni ufficiali dell’ECHA come parte del programma di revisione quinquennale sono anche chiamate relazioni REACH. Possiamo consigliarti quali database, software e strumenti renderanno il tuo lavoro molto più semplice. IMDS, CDX, iPoint, BomCheck e DataCross sono tra le soluzioni che ti permettono di accedere alle informazioni sull’intera catena di approvvigionamento.
REACH Helpdesk presso l’Istituto federale per la sicurezza e la salute sul lavoro (Bundesanstalt für Arbeitsschutz und Arbeitsmedizin o BauA)Link
Informazioni su REACH dall’Associazione europea dei produttori di automobili (ACEA)Link
Requisiti per le sostanze negli articoli (ECHA, 2017)PDF
Articoli – requisiti per produttori, importatori e commercianti (REACH-CLP Biocides Helpdesk)Link
Il REACH CLP Biocides Helpdesk del governo tedescoLink
Der REACH-Helpdesk des österreichischen Bundesministeriums für Klimaschutz, Umwelt, Energie, Mobilität, Innovation und Technologie (BMK)Link
Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA)Link
Informazioni dall’Agenzia federale tedesca per l’ambienteLink
Regolamento (CE) 1907/2006 del Parlamento europeo e del ConsiglioLink
Linee guida dell’industria automobilistica su REACHLink
Informazioni sul previsto database SCIP (inglese)Link
Relazione dell’ECHA sul programma di revisione quinquennaleLink
Linee guida per la registrazione REACH dell’Istituto federale per la sicurezza e la salute sul lavoro (BauA), solo in tedescoPDF

Servizi intorno a REACH

Avete bisogno di aiuto per la verifica della conformità REACH o di consigli sulla corretta gestione dei requisiti di legge? Allora siete nel posto giusto, perché vi offriamo un aiuto competente da parte del nostro personale esperto nel più breve tempo possibile. Fissate subito un appuntamento per una prima consulenza gratuita! O state cercando una formazione REACH? Nel nostro ipCampus troverete corsi di formazione in tutto il mondo e in molte lingue.